GRAMSCI IN CENERE – intensa Teodorani

Pubblicato: 5 aprile 2016 in Libri

E’ un breve romanzo molto intenso l’ultimo di Alda Teodorani, “Gramsci in cenere”, che ha l’adeguato sottotitolo “dal rosso al niente”.

Non è dichiaratamente un romanzo politico, e questo lo rende maggiormente efficace. Perché la molla della narrazione, quasi in forma diaristica, è la memoria. La memoria che aiuta l’autrice, sottilmente camuffata in un personaggio dal nome maschile, a ripercorrere la sua giovinezza a Massa Lombarda, piccola città della Romagna, di quell’operoso Nord-Est che ora inizia a scoprire anche le sue malefatte accumulte e insabbiate nei decenni.

E dato che la giovinezza dell’autrice coincide con quei terribili eppure mitici anni ’70, con le rivolte studentesche e le brigate rosse/nere con relative stragi di Stato (come quella della Stazione di Bologna che compare di sfuggita in un capitoletto), il percorso è ideale per capire il momento e le modalità in cui il “rosso” del comunismo militante, fatto di intellettuali e operai, lentamente si trasforma, sfuma, si adatta alle esigenze della borghesia e infine muore in un’era in cui destra e sinistra, già ibridate in “centro-destra” e “centro-sinistra”, si coalizzano nello stesso governo anziché fronteggiarsi dalle barricate opposte di minoranza e maggioranza.

Metafora ne è la decadenza dell'”operosa provincia”, raccontata con il costante confronto tra quel che era e quel che è nella prima parte del libro, nella quale si radica il discorso politico successivo: puro ricordo, struggente nel suo stile secco che non si concede a facili piagnistei pur raccontando delle centinaia di vite bruciate in giovane età dalla droga, dallo sbando di una provincia sonnacchiosa e chiusa, alla quale sono scampati solo coloro che se ne sono andati in tempo.

Bruno di Marcello

“GRAMSCI IN CENERE”gramsci in cenere

di Alda Teodorani (Ed. Stampa Alternativa, 2016)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...